La Dolce Lingua

Home » Errori Frequenti » Apostrofare o non apostrofare?

Apostrofare o non apostrofare?

Sui giornali, e a volte anche nei libri, c’è qualche incertezza nell’uso dell’apostrofo. Qual è la causa di questa incertezza? L’elisione della vocale finale crea un legame con la parola successiva, segnalato appunto dall’apostrofo (l’alba, dell’ancora, quest’anima). Ma chi crea pasticci sull’uso dell’apostrofo è il troncamento. Esso consiste nella soppressione dell’ultima vocale àtona (cioè non accentata) o addirittura dell’ultima sillaba àtona di una parola, e non richiede l’apostrofo: mar al posto di mare, amor al posto di amore, fra al posto di frate, san al posto di santo, qual al posto di quale, tal al posto di tale, gran al posto di grande eccetera.

Il troncamento riguarda la parola in sé, e a differenza dell’elisione non lega la parola con quella successiva. Molto spesso, anzi il più delle volte, troviamo il troncamento davanti a un’altra parola che comincia per consonante. È il caso, per esempio, di “signor mio”, “amor paterno”, “buon governo”, “mar Tirreno”, “qual donna”, “tal libro”. A volte, come abbiamo detto, riguarda tutta l’ultima sillaba della parola: “gran cosa” (per grande cosa) “san Giovanni” (per santo Giovanni), “fra Ginepro” (per frate Ginepro). Qui è facile riconoscerlo e non confonderlo con l’elisione, perché non ci sarà mai un’elisione davanti a parola che cominci per consonante. Ma le cose si complicano quando una parola troncata come signor, buon, mar, qual, tal si trova davanti a un’altra parola che comincia con vocale, e allora ci si può facilmente confondere con l’elisione; e si vede perciò scritto “tal’è”, “qual’è”, “tal’altro”, “qual’altro”, “buon’uomo”. Ma sono errori.

C’è un modo semplice per capire se ci troviamo di fronte ad elisione (che richiede l’apostrofo) o a troncamento (che non lo richiede)? Certo che c’è. E allora vediamolo.

Se una parola, privata della vocale finale davanti ad altra parola che comincia per vocale, può stare così accorciata anche davanti a parola che comincia per consonante, si tratta di troncamento: niente apostrofo. Esempio: fin allora, e non “fin’allora”, perché si può anche dire fin troppo, fin tanto.

Attenzione: davanti ad un nome o a un aggettivo il raffronto va fatto tra parole dello stesso genere (maschile o femminile). Dunque: nessun esempio (maschile) perché si può dire nessun libro (maschile), ma nessun’amica (femminile) perché non si può dire “nessun tortora” (femminile). Ma attenzione, non è tutto.

Ci sono dei troncamenti che vogliono l’apostrofo! Se non siete svenuti alla notizia, leggete nelle righe successive quali sono questi troncamenti maledettamente eccentrici –gli imperativi dei verbi dare, fare, stare, andare, dire, in forma troncata: da’, fa’, sta’, va’, di’ (ma sono altrettanto corrette le forme piane dai, fai, stai, vai). Nel linguaggio colloquiale, i troncamenti di bene, poco, modo, un po’ antiquato fede: be’, po’, mo’, fe,’ come in va be’, un po’, a mo’ di, in fe’ mia. Basta. Tronchiamola qui.

FONTE: http://dizionari.corriere.it/dizionario-si-dice

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: