La Dolce Lingua

Home » Perché si dice... » Grazie Mille!

Grazie Mille!

Grazie, una parola in grado di rappresentare, da sola, un’intera frase, piena di significato.

Ed è proprio in occasione delle mille visite che voi lettori curiosi e appassionati mi avete regalato in poco più di due settimane, che decido di indagare sulle origini di grazie, appunto, ed in particolare sulle origini del grazie mille che oggi vi dedico.

ORIGINI GARIBALDINE?

In letteratura, l’espressione compare per la prima volta  in Pascoli. Stando alle parole di Marco Biffi, l’origine non avrebbe niente a che vedere con lo storico sbarco dei Mille, nonostante vi sia un corposo filone di blog in rete a sostegno di questa tesi. Piuttosto si tratterebbe esclusivamente di un numerale in aggiunta al ringraziamento, per enfatizzarne il significato.

REGGENZA

GRAZIE DI, O GRAZIE PER?

  • Grazie è l’ellissi di “Vi rendo grazie” (o “Le mie grazie vi rendo”, come dice aulicamente Violetta ad Alfredo nel primo atto della Traviata verdiana).La formula si è diffusa correntemente in italiano solo nel XIX secolo e proviene da Venezia; in effetti le prime attestazioni in lingua si trovano nelle commedie di Goldoni: ecco un esempio che si legge in una delle commedie più antiche, La donna di garbo, del 1743: “BEATRICE. Farò come volete – LELIO. Grazie”. Grazie regge abitualmente un complemento indiretto:grazie del pensiero. Ma nulla impedisce che grazie funga da elemento reggente di una proposizione subordinata con l’infinito. Due esempi d’autore: “Addio Pinocchio – rispose il cane; – mille grazie di avermi liberato dalla morte” (Collodi, Pinocchio). In casi del genere disi alterna con per,
  • Esempio: la frase grazie dell’invio, presuppone che si sia già ricevuto il beneficio di cui ringraziamo, ma se volessimo sollecitare cortesemente un invio che deve ancora esser fatto bisognerebbe dire: “grazie fin d’ora dell’invio”.

Spesso, l’esigenza di comunicare qualcosa rapidamente si concilia male col rispetto delle formule di cortesia abituali nelle comunicazioni commerciali e burocratiche; in casi del genere è sicuramente meglio spendere qualche parola in più, a vantaggio della lingua italiana, ma anche della chiarezza.

Ma in fondo è solo un grazie, no?

 

LA CRUSCA RISPONDE

FONTI:

http://www.accademiadellacrusca.it/

http://www.treccani.it/

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: