La Dolce Lingua

Home » Dialetti e Minoranze Linguistiche » Lingua e Realtà

Lingua e Realtà

Il pensiero e il linguaggio sono in stretta connessione, e si influenzano moltissimo a vicenda. Come scrisse Wilhelm von Humbdolt[1], il linguaggio è la vera condizione di tutte le attività intellettuali,  è «l’organo formativo del pensiero»[2].

La lingua innerva[3] la nostra vita, i nostri ricordi, associazioni, schemi mentali. È force de intercorse[4], condizione che ci permette di aprirci alla conoscenza di nuove lingue e di nuove genti e modi di intendere la realtà.

Studiando la lingua di un popolo,  non solo è possibile indagare il modo di pensare e la cultura di una limitata porzione di persone, bensì è possibile comprendere la natura del genere umano nella sua interezza, esplorandone gli aspetti meno manifesti.

Comprendere l’uomo è comprendere il linguaggio, e viceversa. Ogni lingua, infatti, organizza il mondo in una certa misura a modo suo, ponendosi come mediatrice fra la realtà e l’idea che noi ci facciamo di essa.[5]

La neve, ad esempio, non è uguale per tutti. O almeno, non è univoco il significato, il valore, l’immagine che noi attribuiamo alla parola neve. Franz Boas[6], uno dei fondatori dell’antropologia americana, facendo ricerche sugli abitanti delle estreme latitudini settentrionali,  notò che in Inuktitut[7], la lingua parlata dagli esquimesi,  la neve  che si trova sul terreno è aput quella che sta cadendo si chiama qana, quella portata dal vento piqsirpoq, quella che scende sotto forma di valanga quimuqsuq.

[8] Questo significa che se una popolazione  vive a latitudini polari, circondata quasi solo da ghiacci e nevi perenni, percepirà come molto importanti le distinzioni tra certe entità che per altre popolazioni non sono altro che diversi tipi di una sola cosa: la neve. Dunque, in termini relativistici, il linguaggio è il riflesso della percezione di una data realtà e, inversamente,  il linguaggio stesso  influenza il modo in cui conosciamo il mondo[9].

Ogni lingua è una concezione del mondo integrale, e non solo un vestito che faccia indifferentemente la forma ad ogni contenuto, scriveva Antonio Gramsci nei suoi Quaderni[1], dove appunto attribuiva al linguaggio una funzione conoscitiva in quanto «prodotto sociale», espressione culturale di un popolo.[2]

Per un italiano, il legno, inteso come materiale, è diverso dalla legna, ed entrambi sono diversi dal bosco. Ma per un francese, le tre cose sono manifestazioni diverse di una stessa «essenza»: bois.

All’inverso, per un italiano, la propria materia muscolare e quella che si trova sotto forma di gelatina nelle scatolette della Simmenthal, sono la stessa cosa: carne; mentre per un francese o per un inglese si tratta di cose nettamente diverse: la carne da mangiare, in francese, è viande, e in inglese meat; mentre quella viva e umana è rispettivamente chair e flesh. Sarebbe strano, nonché  macabro, se un inglese affermasse di avere voglia di una scatoletta di flesh piuttosto che di meat, dato che in questo modo farebbe riferimento alla carne, sì, ma quella umana.

Gli antichi romani, curiosamente, pur vivendo in un mondo la cui varietà cromatica somigliava molto alla nostra, avevano suddiviso alcuni colori in modo diverso. Infatti, il latino, per designare il nero, aveva due nomi diversi: uno per il nero scuro e brillante (niger), l’altro per il nero scuro e poco lucente (ater). Lo stesso avveniva per il bianco brillante (candidus) e quello opaco (albus). La lingua, da allora, si è permessa di cambiare, anche se la realtà è rimasta la stessa.[3]

Inversamente, se per noi bambino e ragazzo sono due concetti diversi, è perché abbiano due parole per designarli. I latini usavano per lo più una sola parola: puer; così, in qualche modo, si uniformavano concettualmente le due fasi giovanili, che per noi sono invece nettamente distinte.

Oltre a ripartire e definire la realtà, le lingue creano anche concetti ex novo. Libertà, nostalgia, angoscia, fede: tutti concetti che non preesistono al linguaggio.

 

 

NOTE E FONTI:

[1] Quaderno 11, 1932-1933 in Quaderni del carcere, a cura di V. Gerratana, Einaudi, 1975, p. 1967)

[2] Historia Magistra, Antonella Afostino

[3] Edoardo Lombardi Vallauri, La linguistica. In pratica.

[4] Edward Sapir. La posizione della linguistica come scienza, in Cultura, linguaggio e personalità, Torino, Einaudi, 1988, p.58

[1] Uomo di stato, filosofo, linguista e letterato (Potsdam 1767 – Tegel, Berlino, 1835).

[2] http://www.treccani.it/enciclopedia/wilhelm-von-humboldt_(Dizionario-di-filosofia)/

[3] Tullio De Mauro

http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/SpacesStore/09691e17-83a1-4946-a912-d99f544b8d3d/ANNALI05062006.pdf

[4] Forza di interscambio, Ferdinand de Saussure

[5] Edoardo Lombardi Vallauri, La linguistica. In pratica.

[6] Antropologo e etnologo tedesco-americano, nato a Minden (Vestfalia) nel 1858.

[7] http://www.omniglot.com/writing/inuktitut.htm

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: